Eventi Sociali

Mercoledì 27 settembre

ore 15.30
Cerimonia di Apertura del Congresso
Teatro dei Rozzi, Piazza Indipendenza 15 – Siena

Seguirà cocktail di benvenuto

Giovedì 28 settembre

Foiano paese robbiano. Visita al Centro storico di Foiano della Chiana e alle opere robbiane.

 

 

ore 09.15: Partenza in autobus con guida da Policlinico Le Scotte

ore 10.00: Benvenuto da parte del sindaco di Foiano della Chiana, Francesco Sonnati
                Saluto del Prof. Walter Livi, Presidente del Congresso

ore 10.30: Proiezione di “Cartapesta: il paese che inventò il carnevale” scritto e diretto da Simone Grazzi

Museo della Fraternita - Oratorio Ss. Trinità

ore 11.00: Visita alla mostra "Oltre la Chiana: il Cristo in legno da Giovanni Pisano alle passioni barocche" con curatrice della mostra Paola Refice (Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio di Siena, Grosseto e Arezzo)

ore 12.00: Partenza per la passseggiata culturale, con la collaborazione dell'Associazione La Bottega dell'Arte. Itinerario: Collegiata dei Ss. Martino e Leonardo, Chiesa di S. Michele Arcangelo, Chiesa di  S. Francesco

Ore 13.30: pranzo
Al termine, rientro a Siena

 

Breve presentazione di Foiano

Antichissime le origini di Foiano e della sua frazione Pozzo, che tra il VI ed il IV secolo vedono la presenza di insediamenti etruschi testimoniati da numerosi rinvenimenti di sepolture con il relativo corredo funerario. Esiste poi una serie di materiali paleolitici, neolitici, eneolitici e dell'età del ferro attribuiti genericamente a Foiano e conservati in diverse collezioni e musei dei centri limitrofi che fanno ipotizzare anche degli insediamenti preistorici. Un documento dell'inizio del 1021 della cattedrale di Arezzo, poi, conserva il più antico riferimento all'esistenza di un agglomerato urbano, essendovi citato un edificio sacro, la pieve di San Martino, «sito Foiano» a poca distanza dal centro abitato. Sebbene a quel tempo la struttura urbana avesse già una sua fisionomia, la configurazione come castello cinto da mura e munito di alte torri in corrispondenza delle tre porte di accesso, risale alla prima metà del Trecento, dopo che la Repubblica fiorentina aveva acquisito nel 1337 il controllo di Arezzo e del suo contado, ristrutturano e fortificando le precedenti mura in laterizio, anteriori al 1250. Ulteriori interventi di fortificazioni sono ordinati dalla Repubblica fiorentina dal 1384, a seguito della sottomissione definitiva di Foiano a Firenze, e, successivamente tra il 1476 e il 1480 quando il castello di Foiano viene fortificato con una seconda cinta muraria inglobando anche i borghi sviluppatisi a ridosso del primitivo nucleo. Probabilmente in questa occasione vengono aggiunti alla prima cerchia i tre torrioni circolari.

Lo sviluppo urbanistico successivo è condizionato dall'organizzazione spaziale del nucleo primitivo così che si vengono a creare alcuni borghi a ridosso della cinta muraria con andamento ellittico. Entro la prima cerchia di mura sono costruite entro la fine del Quattrocento l'oratorio della Ss. Trinità, a croce greca, e quello della Fraternita, mentre tra le due cerchie sono innalzati gli edifici sacri più imponenti: la Collegiata dedicata ai santi Martino e Leonardo e il convento e la chiesa dei Domenicani (oggi San Michele Arcangelo). Fuori dell'abitato, invece, a partire dal 1492, i Francescani impiantano un monastero del quale resta la chiesa di San Francesco, modificata ed ampliata nel corso del Settecento, e l'attiguo complesso conventuale oggi adibito a struttura ospedaliera.

Alla fine del XVI secolo risale l'ultimo significativo intervento di edilizia religiosa all'interno del centro abitato dove addossato alla seconda cerchia muraria nel 1581 viene fondato il monastero femminile benedettino di Santo Stefano. Trasformato prima in Conservatorio, poi soppresso in epoca napoleonica, i locali sono attualmente sede dell'Istituto comprensivo mentre i sotterranei ospitano la galleria "Furio del Furia". La presenza a Foiano di numerose opere robbiane ed in particolare la statua a tutto tondo della Madonna della neve fanno di Foiano della Chiana una sorta di "museo robbiano" - secondo l'attributo coniato per il castello dal grande storico dell'arte Mario Salmi nel secolo scorso. Un importante intervento urbanistico è, in epoca moderna, quello che interviene nella creazione di Viale Umberto I con la costruzione dell'edifico scolastico e della manifattura tabacchi all'inizio del Novecento, con importanti lavori di livellamento delle altimetrie e l'abbattimento della porta nel tratto di mura prospiciente al Viale.

 

Venerdì 29 settembre

Cena Sociale
presso il ristorante La Limonaia dell’Hotel Garden di Siena (via Custoza 2).
Quota di partecipazione 50,00 Euro IVA inclusa. Sarà disponibile un servizio navetta.